Fibrillazione atriale

Fibrillazione atriale

Cos’è la fibrillazione atriale 

La fibrillazione atriale è un’alterazione del ritmo cardiaco che interessa le due cavità superiori del cuore, chiamate atri. Questo disturbo, innescato da impulsi elettrici anomali, rende il battito cardiaco molto rapido ed irregolare, con conseguenze sia sul comportamento dei ventricoli che sul flusso sanguigno. Esistono tre tipi diversi di fibrillazione: 

  • Fibrillazione atriale parossistica: quando l’episodio si presenta e si risolve spontaneamente nel giro di una settimana;
  • Fibrillazione atriale persistente: Quando l’episodio non si risolve spontaneamente ma solo in seguito di interventi terapeutici;
  • Fibrillazione atriale permanente: Quando gli interventi terapeutici non si dimostrano efficaci ed il paziente è costretto a convivere con il disturbo;

La fibrillazione atriale è l’aritmia ( alterazione del normale ritmo di contrazione del cuore ) più frequente e colpisce circa il 10% degli ultra 75enni.

Sintomi della fibrillazione atriale 

La fibrillazione atriale, in alcuni casi, può presentarsi anche in mancanza di una cardiopatia pregressa o altre cause sistemiche che possono indurre un’aritmia. Tra i principali sintomi della fibrillazione atriale ci sono:

  •  Palpitazioni
  •  Vertigini
  •  Difficoltà respiratorie 
  •  Debolezza
  •  Dolore toracico
  •  Svenimento

La fibrillazione atriale, se non trattata, può comportare anche delle serie complicanze. Ad esempio:

  •  Ictus
  •  Embolia
  •  Insufficienza cardiaca

 Cause della fibrillazione atriale

Le cause della fibrillazione atriale possono essere di varia natura. Questa condizione può presentarsi anche in assenza di fattori scatenanti, in quel caso si parla di fibrillazione isolata. Tra le cause principale di fibrillazione atriale troviamo:

  •  Cardiopatie
  •  Pericardite
  •  Cuore ingrossato
  •  Ipertensione 
  •  Ipertiroidismo
  •  Diabete mellito
  •  Malattie polmonari

Inoltre è soggetta a molti fattori di rischio, tra i quali:

  •  Età
  •  Fumo di sigaretta
  •  Alcolismo
  •  Abuso di droghe pesanti
  •  Stress
  •  Obesità

L’abuso di bevande alcoliche e un forte tabagismo possono causare episodi di fibrillazione isolata.

Fibrillazione atriale e cibi non consentiti

Una sana alimentazione è un fattore molto importante nella prevenzione della fibrillazione atriale e delle cardiopatie in generale. Per mantenere il benessere del nostro cuore è consigliabile seguire una dieta povera di grassi di origine animale, come insaccati e alcuni formaggi, evitare sale e dolci in quantità abbondante e limitare l’assunzione di alcool. Altri alimenti, invece, possono portare grandi benefici. I cibi ricchi di fibre, cosi come frutta, verdura e carni bianche sono caldamente consigliati. 

Fibrillazione atriale parossistica 

La fibrillazione atriale parossistica, come abbiamo già visto, è un’aritmia a carattere transitorio e può risolversi spontaneamente nell’arco di una settimana. Nei casi di fibrillazione atriale parossistica il cuore raggiunge un valore superiore ai 140 battiti al minuto, contro i 60 - 90 di una frequenza normale. Questa condizione è intermittente e non necessita di una terapia specifica nelle sue fasi iniziali o nei pazienti giovani con un cuore sano. Tuttavia è sempre consigliabile rivolgersi ad uno specialista, il quale, nel caso di episodi ricorrenti, può decidere di prescrivere farmaci per riportare il battito cardiaco al ritmo normale. I sintomi vanno dalle palpitazioni al dolore toracico e può essere causata dall’età, da ipertensione arteriosa o da altre patologie cardiache.

Cure e rimedi per la fibrillazione atriale 

Il trattamento per la fibrillazione atriale varia a seconda di molti fattori, tra cui il tipo di fibrillazione, le cause, l’entità dei sintomi e la storia clinica del paziente. Normalmente, in presenza di una fibrillazione atriale si cerca di ripristinare e tenere sotto controllo il normale battito cardiaco, prevenendo la formazione di trombi ( massa solida formata da piastrine e globuli rossi aggregati tra loro), i quali possono portare a conseguenze molto serie. Prima di capire cosa fare in caso di fibrillazione atriale, il medico deve distinguere la tipologia di fibrillazione e l’eventuale presenza di altre malattie cardiovascolari:

  • Fibrillazione atriale parossistica: Se la risoluzione non avviene spontaneamente si procede con la cardioversione ( procedura che ripristina il normale battito cardiaco ), tramite farmaci antiaritmici;
  • Fibrillazione atriale persistente: Nei casi di fibrillazione artriale persistente, o nei casi di fibrillazione parossistica in soggetti malati, si può ricorrere a cardioversione sia elettrica che farmacologica. La cardioversione elettrica è una procedura medica realizzata tramite defibrillatore che permette un reset del battito cardiaco. Prima di sottoporre il paziente a tale procedura è opportuno un trattamento con farmaci anticoagulanti, per prevenire il rischio di trombosi;
  • Fibrillazione atriale permanente: Nei casi di fibrillazione atriale permanente si tenta di mantenere sotto controllo il battito cardiaco tramite terapia farmacologica con ß - bloccanti;

Nelle fibrillazioni atriali in cui non si riesce a mantenere sotto controllo il battito cardiaco si può ricorrere ad una terapia chirurgica chiamata “ablazione transcatetere”. Questa procedura mira ad eliminare il tessuto cardiaco responsabile del battito irregolare ed è efficace nel 70% dei casi trattati.

Quando rivolgersi ad un medico

La comparsa di sintomi come dolore al petto, palpitazione, senso di svenimento, dispnea e vertigine, soprattutto in un individuo a rischio di fibrillazione atriale, costituisce sempre un valido motivo per contattare immediatamente il proprio medico o recarsi al centro ospedaliero più vicino.

Consigli del farmacista 

Lo stile di vita è fondamentale per il benessere del nostro organismo. Seguire una dieta equilibrata e svolgere attività fisica costante riducono il rischio di episodi cardiaci, tra cui la fibrillazione. Gli integratori naturali a base di omega 3 migliorano la circolazione sanguigna con notevoli benefici, riducendo il livello di trigliceridi e l’insorgenza di malattie cardiovascolari.

Leggi tutto

2 elementi

per pagina
Imposta la direzione decrescente

2 elementi

per pagina
Imposta la direzione decrescente
Ministero della Salute - Clicca qui per verificare se questo sito web è legale
Codice univoco assegnato dal Ministero della Salute: 13127
Data inizio attività: 29-06-2016
Documento di autorizzazione: scarica il documento