Diabete

Cos’è il diabete

Il diabete è una malattia cronica ed evolutiva in cui si registra un aumento della glicemia, ossia dei livelli di zucchero nel sangue, noto anche come iperglicemia.

Tale condizione medica è dovuta a una produzione insufficiente di insulina da parte del pancreas (un ormone che ha il compito di regolare il livello di glucosio nell’organismo) oppure dalla sua inadeguata azione a livello ematico e tissutale.

L’inattività dell’insulina può essere dovuta a:

  • Inattivazione nel sangue da parte di anticorpi
  • Distruzione nel fegato da parte di insulinasi epatica
  • Blocco a livello tissutale da parte di fattori antagonisti.

Una volta esaurite le scorte lipidiche, il diabetico utilizza come fonte di energia anche le proteine che però hanno una funzione costruttivo e ricostruttivo di tessuti. In tal modo il diabete, da disturbo metabolico del glucosio, diventa alterazione di tutti i metabolismi (lucidico, lipido e proteico).

Elemento nutritivo fondamentale per tutti i tessuti, il glucosio viene regolato nel metabolismo dell’insulina: se manca l’insulina, il glucosio non si deposita né nel fegato, né nei muscoli e non viene neanche utilizzato dai tessuti, perciò rimane circolante nel sangue (iperglicemia).

Le principali forme del diabete mellito sono:

  • Diabete di tipo 1: è una forma di diabete che insorge nei bambini nel caso in cui il corpo non produce l’insulina. La cura per il diabete di tipo 1 consiste in iniezioni di insulina, che andranno fatte per tutto il corso della vita (insulino-dipendenza).
  • Diabete di tipo 2: insorge in età adulta quando vi è un’insufficiente produzione di insulina o insulino resistenza. Nella fase iniziale non richiede un trattamento insulinico e si può riuscire a controllare la patologia seguendo una dieta sana, mantenendo un peso corporeo corretto e svolgendo esercizio fisico. Con il tempo comunque la malattia progredisce e costringerà chi ne soffre a curarsi assumendo insulina.
  • Diabete gestazionale: si manifesta durante la gravidanza. La terapia consiste in una dieta corretta e dell’esercizio fisico. Raramente può essere necessario assumere farmaci per il controllo del glucosio nel sangue. Se non diagnosticato e curato, il diabete gestazionale può creare problemi al momento del parto.

Sintomi iniziali del diabete

Esiste una forma di pre diabete, che colpisce sia adulti che bambini, caratterizzata dal livello di glucosio nel sangue è più alto del normale, ma non abbastanza alto da essere diagnosticato come diabete vero e proprio.

Il prediabete avverte della presenza di un disordine nel metabolismo dei glucidi ed è importante intervenire per cercare di evitare che diventi un diabete conclamato. Nelle fasi del prediabete, comunque, potrebbero essere già iniziato il danno a lungo termine perl cuore, vasi sanguigni e reni. Se si interviene con cambiamenti nello stile di vita negli adulti si può aiutare a prevenire la progressione del diabete, mentre nei bambini addirittura si possono riportare i livelli di zucchero nel sangue alla normalità.

Sintomi del diabete

Il prediabete generalmente è asintomatico. A volte però si possono manifestare dei sintomi iniziali quali la iperpigmentazione della pelle in alcune parti del corpo. Le aree interessate possono essere: il collo, le ascelle, i gomiti, le ginocchia e le nocche.

I segni che suggeriscono un passaggio dal prediabete al diabete di tipo 2 comprendono:

  • Aumento della sete
  • Minzione frequente
  • Sensazione di affaticamento
  • Visione offuscata
  • Ferite che si rimarginano più lentamente

I sintomi tipici nel diabete di tipo 1, che comprendono:

  • Aumento del volume delle urine e la frequenza di minzione (Poliuria)
  • Aumento della sete (Polidipsia)
  • Aumento della fame, accompagnato da calo del peso (Polifagia)
  • Affaticamento e stanchezza
  • Vista offuscata

Cause del diabete

Ad oggi non si conosce l’esatta causa del diabete di tipo 1, ma si ritiene che possano avere un ruolo importante:

  • Fattori genetici
  • Fattori ambientali: alcune infezioni virali potrebbero scatenare la malattia in soggetti già predisposti geneticamente.

Nel caso del prediabete la causa è da ricercarsi nel fatto che l’organismo non elabora più correttamente il glucosio, di conseguenza lo zucchero si accumula nel sangue invece di essere immagazzinato nelle cellule che formano i muscoli e altri tessuti.

Le cause del diabete di tipo 2, invece, sono invece riconducibili a:

  • Fattori genetici
  • Età (oltre i 40 anni)
  • Sedentarietà
  • Dieta non equilibrata, specie se ricca di zuccheri
  • Obesità, il grasso corporeo in eccesso, specialmente il grasso addominale

Livelli elevati di glucosio nel sangue, se non corretti con una cura adeguata, possono nel tempo favorire la causare delle complicanze croniche del diabete, come:

  • Danni ai reni
  • Danni alla retina
  • Danni ai nervi periferici
  • Danni al sistema cardiovascolare

Altre complicanze possono essere:

  • Glaucoma, cataratta e altre complicanze oculari
  • Complicanze al piede (come ulcere)
  • Problemi al cuore, come la cardiopatia ischemica
  • Ipertensione
  • Depressione
  • Ictus
  • Disfunzione erettile
  • Problemi nella guarigione delle ferite
  • Infezioni

Trattamento e rimedi per il diabete

Il principale trattamento per il diabete consiste nel tenere sotto stretto controllo i livelli di zucchero nel sangue con una combinazione di:

  • Dieta: con una dieta corretta è possibile ridurre al minimo o evitare gli squilibri dei livelli di zucchero nel sangue
  • Attività fisica aerobica: migliora il livello di insulina nell’organismo e può abbassare i livelli di zucchero nel sangue.
  • Farmaci

I farmaci per il diabete di tipo 2 agiscono in diversi modi per riportare i livelli di glucosio nel sangue ai livelli normali. Essi comprendono:

  • Farmaci che aumentano la produzione di insulina da parte del pancreas.
  • Farmaci che riducono l’assorbimento del glucosio da parte dell’intestino.
  • Farmaci che migliorano il modo in cui il corpo utilizza l’insulina.
  • Farmaci che riducono la produzione di zuccheri da parte del fegato e migliorano la resistenza all’insulina.

Quando rivolgersi al medico

Se non curato, il diabete portare a gravi complicazioni ai danni di reni, sistema cardiovascolare e sistema nervoso, oltre a predisporre alle forme infettive.

Si consiglia di rivolgersi al medico in caso insorgano sintomi riconducibili al diabete.

Consigli del farmacista

Per evitare che avvenga la progressione da prediabete al diabete è importante seguire alcuni suggerimenti in modo da riportare il livello di zucchero nel sangue alla normalità:

  • Mangiare cibi sani,
  • Fare attività fisica regolarmente. È sufficiente un’attività fisica aerobica di intensità moderata a settimana come il semplice camminare.
  • Mantenere un peso sano perdendo i chili in eccesso
  • Monitorare la pressione sanguigna e il colesterolo
© 2006 - 2021 Farmacia Santa Rita S.n.c. - Powered by Marketing Informatico